Accedi

Buia (ANCE) in audizione al Senato. Costruzioni: "Oltre 400 opere bloccate"

ance

"Dl insufficiente rispetto alle aspettative"

E' un giudizio duro e lapidario, quello espresso dal Presidente dell'Ance, Gabriele Buia, in audizione davanti alle commissioni Affari Costituzionali e Lavori Pubblici del Senato sul dl Semplificazioni.

"Insufficiente rispetto alle necessità e alle aspettative". Ma per un Paese "in perenne 'codice rosso' e per un settore delle costruzioni allo stremo" il provvedimento rappresenta "l'ultima spiaggia" per gettare le basi per una ripresa della costruzioni.

L'Ance, che aveva già espresso la propria delusione a dicembre, in seguito all'approvazione del decreto legge Semplificazioni da parte del Consiglio dei Ministri - confermera l'impianto accusatorio nei confronti del Governo, colpevole secondo l'Associazione dei Costruttori di aver deciso di non rilanciare l'economia rimandando a data da destinarsi tutte quelle misure necessarie allo sblocco delle opere pubbliche come lo snellimento delle procedure di spesa e le modifiche urgenti al Codice Appalti. 

"Avevamo posto molte speranze nell’annunciato decreto-legge semplificazioni. Dopo settimane di difficile gestazione, abbiamo dovuto tuttavia prendere atto di un decreto dai contenuti molto limitati, rispetto alle prime bozze circolate, e insufficiente rispetto alle necessità e alle nostre aspettative".

"L'abolizione del Sistri - prosegue - rappresenta, ad oggi, l’unica nota positiva, a beneficio di tutti i settori produttivi".

Oltre 400 opere bloccate - densite dall'Ance nel sito Sbloccacantieri - per un importo superiore a 27 miliardi di euro: è forse il dato più significativo che concretizza in cifre lo stallo del comparto. A denunciarlo è lo stesso Presidente Buia in Commissione al Senato.

"Nella Legge di Bilancio, per evitare la procedura di infrazione, sono stati sacrificati gli stanziamenti relativi agli investimenti - sottolinea - La legge non contiene poi nessuna delle nuove misure necessarie a favorire la rigenerazione urbana nel nostro Paese. Sono invece indispensabili azioni decise per favorire la riqualificazione urbana e sbloccare le opere pubbliche".

"E’ necessario -ha concluso Buia - un impegno del Governo e del Parlamento per dare continuità e sostanza all’azione di semplificazione avviata con questo decreto-legge. Così come è indispensabile, per offrire soluzioni concrete alla crisi dell’edilizia, una risposta alla richiesta di Tavolo di crisi per il settore che l’Ance ha presentato al Mise ormai più di sei mesi fa".

Accedi or

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la "Cookie Policy".